skip to Main Content
Menù
Lavoro Nero O Irregolare, Due Aziende Su Tre Fuorilegge

Lavoro nero o irregolare, due aziende su tre fuorilegge

Irregolarità diffuse, lavoratori in nero, contributi evasi: la situazione delle aziende operanti nel territorio nazionale è drammatica, tale da far apparire la nostra economia pari a quella di un paese del terzo mondo.

Il Rapporto Annuale dell’Attività di Vigilanza 2017, pubblicato dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro illustra i risultati dell’attività di vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale conseguiti nel corso del primo anno di attività, da parte del personale ispettivo proveniente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dall’INPS e dall’INAIL.

Delle aziende controllate, due su tre sono risultate irregolari, con un tasso del 65%; è aumentato il numero dei lavoratori irregolari con un incremento del 36% rispetto l’anno 2016 e per un totale di 252.659;  oltre 48mila i lavoratori in nero per un valore complessivo evaso di oltre un miliardo di euro

Il risultato complessivamente conseguito in termini numerici è pari a 160.347 imprese ispezionate, di cui 103.498 sono risultate irregolari. Il numero di lavoratori irregolari, pari a 252.659, è cresciuto del 36% rispetto al  2016.

Gli accertamenti finalizzati al contrasto del lavoro sommerso hanno portato, invece, all’individuazione di 48.073 lavoratori in “nero”.

A fronte di 122.240 accessi, effettuati nell’ambito della vigilanza in materia di lavoro, che hanno registrato un tasso di irregolarità stabile rispetto agli anni precedenti, attestandosi al 60%.

Con riferimento alla vigilanza previdenziale, nel corso dell’anno, sono stati effettuati 24.291 accessi che hanno registrato un tasso di irregolarità anch’esso stabile rispetto agli anni precedenti, attestandosi al 77%.

Relativamente alla vigilanza assicurativa, nel corso del 2017, sono stati effettuati 13.816 accessi che hanno registrato un tasso di irregolarità in aumento di circa 2 punti percentuali rispetto all’anno precedente, attestandosi al 89%.

La vigilanza in materia di tutela della salute e sicurezza nei settori di competenza dell’INL (principalmente edilizia), ha interessato n. 22.611 aziende: sono state contestate n. 36.263 violazioni prevenzionistiche, di cui 28.364 penali e 7.899 amministrative.

Per quanto riguarda il tasso di irregolarità delle aziende ispezionate lo stesso si attesta al 77,09% con un numero di aziende irregolari pari n. 17.580 a fronte di n. 22.805 accertamenti definiti.

Numero importanti che restituiscono un’immagine da “terzo mondo” dell’economia italiana in tutti gli ambiti verificati.

vai al comunicato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca