skip to Main Content
Menù
Formazione Per La Sicurezza? Enti Di Formazione E Società Formative:  C O N F U S I O N E E E E E!

Formazione per la sicurezza? Enti di formazione e società formative: c o n f u s i o n e e e e e!

Cosa sono e cosa possono fare gli enti di formazione e le società formative, quando si parla di sicurezza sul lavoro?

Il formatore cosa deve verificare per evitare la non conformità della formazione e sanzioni salatissime per il datore di lavoro committente?

Quando si parla di formazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro si apre un mondo pieno di insidie, tutto da scoprire se si vogliono evitare guai.

Abbiamo già parlato dei soggetti formatori di derivazione sindacale, siano essi sindacati, enti bilateri od organismi paritetici. 

A questo punto, non possiamo tralasciare il tema degli enti di formazione e delle società formative.

Nel mercato della formazione per la sicurezza sul lavoro, c’è talmente tanta varietà nell’offerta formativa ed incertezza negli strumenti a disposizione che colui che è chiamato a scegliere ha vita difficile, soprattutto se non ha confidenza con il mondo sindacale.

Mentre al datore di lavoro, puoi essere “perdonata” la scelta errata del soggetto cui affidare la formazione dei propri lavoratori, al formatore   assolutamente no,  tanto più nella sua veste di responsabile di progetto formativo.

Cosa deve fare il formatore per non incorrere in responsabilità giuridiche?

Il formatore che riceve l’incarico di organizzare i corsi di formazione dal datore di lavoro ha il dovere non solo di garantire in ogni aspetto il  corretto processo formativo, ma nel caso si avvalga di un soggetto formatore o di un ente di formazione o di una società formativa deve preliminare verificarne il possesso dei requisiti minimi per poter operare in tale veste.

Il formatore è chiamato ad avere un comportamento ed una diligenza superiore a quella ordinaria, tale da non incorrere in eventuali responsabilità contrattuali

Non è facile!!


Come abbiamo già visto nel novero dei soggetti formatori extra istituzionali, il legislatore ha inserito i sindacati – datoriali e dei lavoratori – e gli organismi da essi costituiti nell’ambito della contrattualistica di settore – enti bilaterali e organismi paritetici , di cui abbiamo già ampiamente parlato nel Formatori e consulenti per la sicurezza: attenzione agli organismi paritetici

Di fronte alla necessita di individuare soggetti tecnicamente competenti in materia di attrezzature di lavoro, per le quali è richiesta una specifica abilitazione, in attuazione all’art. 73 del TUS, con apposito Accordo Stato Regioni, il legislatore ha esteso il novero dei soggetti formatori.

Quali sono gli altri soggetti formatori?

  • Le aziende produttrici, distributrici, noleggiatrici, utilizzatrici ( queste ultime limitatamente ai propri lavoratori ) di attrezzature di organizzate per la formazione e accreditate in conformità al modello di accreditamento definito in ogni regione  e provincia autonome
  • I soggetti formatori con esperienza documentata di almeno sei anni nella formazione in materia di salute sicurezza sul lavoro accreditati in conformità al modello di accreditamento definiti ogni regione e provincia autonoma.

Che caratteristiche devono avere questi soggetti?

Questi soggetti, contrariamente e ai soggetti formatori di derivazione sindacale:

per poter operare devono essere accreditati in ogni regione o provincia autonoma competente per territorio.

In buona sostanza, questi enti possono operare solo ed esclusivamente nella regione o provincia autonoma dove sono accreditati e solo dopo aver dimostrato di essere in possesso di precisi requisiti tecnico organizzativi.

Dove e come si possono verificare i requisiti richiesti?

La presenza di registri pubblici consultabili, anche attraverso i portali delle regioni e delle province, consente al formatore professionista, al consulente per la sicurezza e finanche al datore di lavoro più avveduto, di verificare il possesso dei requisiti minimi richiesti.

Nel caso, per tanti motivi, non riusciste ad effettuare la verifica attraverso il portale regionale, può tornare utile richiedere all’ente di formazione o alla società formativa interessate una bella dichiarazione sostituiva dell’atto di notorietà sulla sussistenza dei requisiti previsti dalla legge, sottoscritta dal legale rappresentante.

Cosa significa struttura formativa di diretta emanazione?

Il sindacato, se in possesso del requisiti della maggiore rappresentatività comparata, in quanto soggetto formatore, può erogare la formazione per la sicurezza direttamente o, in caso non sia dotato di adeguata struttura tecnico organizzativa, avvalendosi di strutture formative di diretta ed esclusiva emanazione.

Dette strutture formative devono essere prevalentemente o totalmente partecipate ed essere accreditate nelle rispettive Regioni o province autonome ove operano.

Riguardo il principio di partecipazione o più precisamente di associazione in partecipazione, vi allego un interessante interpello richiesto dalla Regione Sicilia alla competente Commissione ministeriale che vi invito a leggere con curiosità.

Formatori, consulenti per la sicurezza se per la vostra attività professionale decidete di avvalervi di un soggetto formatore, non ti fate ammaliare da denominazioni suggestive o ancor peggio da prezzi stracciati, ma verificate sempre con giudizio a chi vi affidate.

Il tempo e il denaro che risparmiate adesso lo pagherete caro in caso di giudizio

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca